La barca laboratorio al Salone di Genova

Dal 6 al 14 Ottobre 2012 il Lecco Innovation Hub sarà presente al 52° Salone Internazionale di Genova con uno dei suoi progetti più ambiziosi, una barca-laboratorio attrezzata con tecnologie per il rilevamento di dati di fondamentale importanza per la progettazione dello yacht a vela e dei suoi diversi componenti, con particolare riferimento al progetto dell’armo e delle vele.

Esistono solo altre tre imbarcazioni con funzioni simili realizzate rispettivamente presso il MIT di Boston, l’Università Tecnica di Berlino ed il Kanazawa Institute of Technology giapponese. Un progetto in grado di competere in ambiti scientifici cosi’ prestigiosi rappresenta una sfida per i ricercatori del Politecnico di Milano ed è un’incredibile opportunità di innovazione per i diversi fruitori dello Hub.

Due sono gli aspetti salienti che caratterizzano a barca-laboratorio:

  • l’imbarcazione stessa è concepita per funzionare come bilancia dinamometrica e consentirà pertanto l’acquisizione in scala reale di dati relativi ai carichi aerodinamici e idrodinamici agenti sui principali componenti dello yacht;
  • il progetto prevede la predisposizione di sistemi per il rilievo dei carichi agenti sulle vele, che consentiranno di rilevare dati inediti sulla forma geometrica assunta dalle vele nelle reali condizioni di utilizzo durante la navigazione – flying shape.

La registrazione dei dati al vero è un aspetto assolutamente innovativo offerto dalla barca-laboratorio di Lecco Innovation Hub. I dati attualmente disponibili per la progettazione delle vele vengono infatti rilevati all’interno di ambienti artificiali – le gallerie del vento – o derivati da modelli di simulazione numerica e sono ancora oggi affetti da una serie di problemi di affidabilità che in questo modo potrebbero essere evitati.

Nel rispetto della filosofia green del Lecco Innovation Hub, la propulsione ausiliaria della barca sarà a emissioni zero. Il progetto prevede l’installazione di un motore ausiliario elettrico brushless da 10kW di potenza, con trasmissione sail-drive e alimentato da batterie al litio-polimero. Il sistema di ricarica delle batterie sarà inoltre integrato da moduli fotovoltaici.

La ricchezza di piccole realtà tra artigianato ed industria presenti nel lecchese, l’interesse verso il progetto e le competenze specifiche hanno fatto si che la gran parte dei componenti di questo progetto siano stati realizzati da Aziende operanti sul territorio.

Sarà la prima esposizione al pubblico della barca-laboratorio: vi aspettiamo!